Ci sono molte storie e ancor più sapori diversi nel nuovo disco di Elena Sanchi. Risveglioarriva tre anni dopo Cuore Migrantee dopo un periodo di pausa che Elena ha trascorso in fuga dalla propria città, Rimini, sia per diventare mamma, sia per portare a termine esperienze come volontaria in Africa.

Ma è un ritorno, quello dell’“avvocaNtessa” (così definita per via dei suoi studi di giurisprudenza), che significa anche una riscoperta di uno stile cantautorale pieno e rotondo, con molte facce diverse.

Il disco si apre su un lato favolistico, con la title track, ma Elena non ha paura di alzare decisamente i ritmi e incattivirsi, come avviene in Tradire e fare. In mezzo a questi due estremi ci sono le altre canzoni, che mettono in evidenza la voce delicata e forte a un tempo della cantautrice romagnola.

Particolarmente apprezzabile il primo singolo, Rimini, che racconta della riscoperta della città da parte di un clochard francese in transito sul Ponte di Tiberio.

E se episodi melodici come In caduta libera sono quelli che effettivamente forniscono il tono e le dominanti all’album, qui e là si leggono influssi blues, aumenti di sostanza groove, piccole accelerazioni.

Ottima seconda prova per la cantautrice, tornata più ricca dalle proprie esperienze di vita e con ulteriori bagagli da poter riversare nelle nove tracce di questo disco.

Risveglio è un progetto che è stato in gran parte finanziato grazie alla campagna di crowdfunding “InCadutaLibera”, attiva da ottobre a dicembre 2017 su Musicraiser. È stato registrato e mixato presso la Lunik Recording Studio di Pesaro e masterizzato da Alessandro Ciuffetti @Naive Recording Studio, Fano (PU). Il progetto cover è a cura di Elena Tenti.

Qui la pagina facebook: https://www.facebook.com/elenasanchimusic/

Qui il videoclip di Rimini: https://www.youtube.com/watch?v=AKmRfVavoac

ELIDE FERRARI